Stampa

Introduzione al fotovoltaico

Scritto da Super User on . Postato in Azienda

Valutazione attuale:  / 0
ScarsoOttimo 

pannello fvUn impianto fotovoltaico trasforma direttamente l’energia solare in energia elettrica. 

Esso è composto essenzialmente da:

    • moduli o pannelli fotovoltaici;
    • inverter, che trasforma la corrente continua generata dai moduli in corrente alternata;
    • quadri elettrici e cavi di collegamento.

Ci sono poi componenti opzionali che consentono un'ottimizzazione della produzione e dei consumi come ad esempio:

  • ottimizzatore produzione Tigo
  • conta energia solare e controller da remoto

I moduli sono costituiti da celle in materiale semiconduttore, il più utilizzato dei quali è il silicio cristallino. Essi rappresentano la parte attiva del sistema perché convertono la radiazione solare in energia elettrica.
I moduli fotovoltaici possono essere collocati su qualsiasi pertinenza di un immobile (tetto, facciata, terrazzo, ecc…) o sul terreno. La decisione deve essere presa in base all’esistenza sul sito d’installazione dei seguenti requisiti:

  • disponibilità di spazio necessario per installare i moduli;
  • corretta esposizione ed inclinazione della superficie dei moduli.

Le condizioni ottimali in l’Italia sono:

  • esposizione SUD (accettabile anche SUD-EST, SUD-OVEST, con ridotta perdita di produzione); inclinazione dei moduli compresa fra 25°(latitudini più meridionali) e 35°(latitudini più settentrionali);
  • assenza di ostacoli in grado di creare ombreggiamento.

Facendo riferimento soprattutto alle piccole applicazioni (tetti fotovoltaici) e a moduli disilicio cristallino, un valore indicativo di occupazione di superficie è di circa 8 -10 mq per kW di potenza nominale installata.
Ogni impianto fotovoltaico è caratterizzato dalla potenza nominale (o massima, o di picco, o di targa) è rappresenta la potenza elettrica dell'impianto determinata dalla somma delle singole potenze nominali (o massime, o di picco, o di targa) di ciascun modulo fotovoltaico facente parte del medesimo impianto, misurate alle condizioni standard (temperatura pari a 25 °C e radiazione pari a 1.000 W/m²). 
La produzione elettrica annua di un impianto fotovoltaico dipende da diversi fattori:

  • radiazione solare incidente sul sito d’installazione; orientamento ed inclinazione della superficie dei moduli; assenza/presenza di ombreggiamenti;
  • prestazioni tecniche dei componenti dell’impianto (moduli, inverter ed altre apparecchiature).

Prendendo come riferimento un impianto da 1 kW di potenza nominale, con orientamento ed inclinazione ottimali ed assenza di ombreggiamento, non dotato di dispositivo di “inseguimento” del sole, in Italia è possibile stimare le seguenti producibilità annue massime:

  • regioni settentrionali 1.000 – 1.100 kWh/anno regioni centrali 1.200 – 1.300 kWh/anno
  • regioni meridionali 1.400 – 1.500 kWh/anno

E’ opportuno sottolineare che il consumo annuo elettrico medio di una famiglia italiana è pari a circa 3.000 kWh. 
Sul sito http://re.jrc.ec.europa.eu/pvgis/countries/europe/g13y_it.png è riportata la mappa della radiazione solare annuale sul territorio Italiano. 
Nelle analisi tecniche ed economiche si usa fare riferimento ad una vita utile di un impianto fotovoltaico complessiva di 20-25 anni. In particolare, i moduli, che rappresentano i componenti economicamente più rilevanti, hanno in generale una durata di vita garantita dai produttori oltre i 35 anni. 
Gli impianti fotovoltaici possono essere connessi alla rete elettrica di distribuzione (grid-connected) o direttamente a utenze isolate (stand-alone), tipicamente per assicurare la disponibilità di energia elettrica in zone isolate. 
I vantaggi di un impianto fotovoltaico possono riassumersi in:

  • assenza di qualsiasi tipo di emissione inquinante; risparmio di combustibili fossili; affidabilità degli impianti poiché non esistono parti in movimento; costi di esercizio e manutenzione ridotti al minimo;
  • modularità del sistema (per aumentare la potenza dell’impianto è sufficiente aumentare il numero dei moduli).

Peraltro è da tener presente che l’impianto fotovoltaico è caratterizzato da un elevato costo iniziale (dovuto essenzialmente all’elevato costo dei moduli) e da una produzione discontinua a causa della variabilità della fonte energetica (il sole). 

Inoltre un impianto fotovoltaico non ha pressochè bisogno di manutenzione in quanto i moduli per la loro caratteristiche di essere montati inclinati sono autopulenti e quindi i costi periodici vengono praticamente azzerati a meno di un controllo a vista di tutti i componenti per verificarne il corretto funzionamento. 

Vedi anche le altre voci di menu:

 

Finanziamenti

  Finanziamenti rapidi, convenienti e sicuri!
Visita la sezione completa e scegli il finanziamento giusto per te!
  Leggi l'articolo >Finanziamenti

Aton Energia Pulita di Lorenzo Cossu - Sede in via S.Satta 2 - 09010 Decimoputzu (CA) - Italy
P.Iva 06238910969 - Reg. Imprese di Cagliari 256648 - mail: Questo indirizzo email è protetto dagli spambots. E' necessario abilitare JavaScript per vederlo.